Le buone pratiche del Fareassieme al Servizio di salute mentale di Trento

Commenti finali al viaggio

È strano ritrovarsi intorno a un tavolo, tutti insieme a parlare d’America. Mi sembra di essere tornata a luglio, a prima della partenza, quando organizzavamo, progettavamo e aspettavamo con ansia quel 28 agosto che ci avrebbe visto partire da Linate alla volta di Boston. È passato un mese da quella data ed era ora di fare un bilancio. Abbiamo vissuto un’esperienza intensa, macinato chilometri su chilometri, incontrato persone, ascoltato storie. Abbiamo potuto vedere dall’interno tanti servizi, cercare di comprendere al massimo la loro cultura. Abbiamo raccontato il nostro fareassieme e le nostre pratiche. I nostri Ufe si sono presentati, hanno ricevuto riconoscimenti, applausi e soprattutto la conferma dell’eccezionalità della loro esperienza. Tanti i luoghi che ci sono rimasti nel cuore: la caotica New York, la spettacolare Monument Valley, l’immenso Grand Canyon, la calda Death Valley, la ‘piccola’ Philadelphia, l’accogliente Colorado e l’idealistica Los Angeles.
Questo ‘coast to coast’ ha rappresentato un evento importante nelle nostre vite (ma è stato anche molto faticoso!) e probabilmente ne raccoglieremo i frutti a lungo andare. Pier Gianni non crede ancora di aver compiuto quest’impresa, ma ha conservato un’immagine ben chiara nella sua mente, quel basso’Fender’ che gli ha rapito il cuore. Roberto, preoccupato sin dall’inizio della cucina americana, si è dovuto ricredere e ammettere che nonostante nei trasferimenti il cibo non fosse dei migliori (fast food docet) nelle città non c’è proprio di che lamentarsi. Guido è rimasto affascinato dalla realtà delle Veterans Administration, immagini di un’America pentita delle tante guerre che l’hanno vista protagonista e che cerca di rifarsi offrendo servizi incredibili e competenti. Anche Mirella ricorda con emozione quegli incontri che l’hanno portato sempre più a convincersi che non esistono guerre giuste. Ammette anche un piccolo problema al ritorno: era talmente scombussolata che al posto della lacca per capelli si è messa della crema depilatoria… sarà stato solo il jet lag a crearle qualche problema? Per Sara il viaggio ha prodotto degli enormi cambiamenti in ogni partecipante. Negli occhi tante immagini ma anche tanti piccoli momenti che hanno rappresentato delle vere e proprie rivelazioni. La crescita professionale ha invece messo in secondo piano la grande fatica del viaggio per Luana, che ha già fissato degli obiettivi chiari su cui lavorare: rielaborazione dell’esperienza e corso d’inglese (e dire che io mi devo ancora riprendere del tutto dal rientro al lavoro). La nostra press agent Kathleen è invece un po’ spaesata, per un anno ha lavorato a questo progetto e ora sta vivendo una sorta di ‘depressione post-partum’. Coglie però l’occasione per aggiornarci delle impressioni raccolte dai servizi che abbiamo visitato: i riscontri sono tutti positivi, hanno apprezzato la nostra presentazione corale e anche l’ironia nelle stesse, in tutti c’è la voglia di mantenere i contatti anche in futuro. Per Renzo l’obiettivo sottostante il viaggio è stato raggiunto: abbiamo presentato i nostri UFE all’interno del sistema e l’interesse era davvero vivo e alto… Chissà che cosa ci porterà il futuro! Qualche momento di difficoltà c’è stato. Oltre agli imprevisti, che diciamo hanno anche reso il nostro viaggio molto più avventuroso, forse alcuni aspetti si potevano migliorare. Il viaggio in 4 macchine non ha facilitato la creazione di un gruppo coeso e forse ha favorito l’insorgenza di qualche malumore, ma l’esperienza insegna e per il prossimo viaggio sapremo che accorgimenti adottare.
Ed io? Lasciatemi ancora con gli occhi sognanti e la mente che vaga lungo la rotta che abbiamo percorso in questo pazzo ‘coast to coast’. In attesa del prossimo viaggio (in Australia? In Turchia? Sulla Luna?) l’avventura degli UFE continua a Trento, per ora nella quotidianità del Servizio di salute mentale, ma domani chissà… See you soon!

Contatti

Via S. Giovanni Bosco 10, Trento

0461 902881-902882

0461 902880

fareassieme@apss.tn.it




TOP